pulsante lavora con noi studio essepi

Consulenza e formazione. Dal 1995 un punto di riferimento per aziende e professionisti.

Magazine

Linee guida Conferenza Stato Regioni: l'aggiornamento sulla formazione

Linee guida Conferenza Stato Regioni: l'aggiornamento sulla formazione

La Conferenza delle Regioni ha pubblicato l'aggiornamento del 28 maggio 2021 delle "Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali", con l’indicazione di misure di prevenzione e contenimento in diversi ambiti.

Tra le nuove schede, rispetto alla precedente versione uscita ad aprile, sono state aggiunte delle indicazioni anche per quanto riguarda i corsi di formazione.

Le attività formative rappresentano un settore importante per il nostro Paese, non solo per quanto riguarda la salute e la sicurezza sul lavoro, ma anche per la formazione professionale e l’acquisizione di nuove competenze.  

Vediamo, di seguito, le finalità delle linee guida e le raccomandazioni specifiche per i corsi, nei diversi contesti.

Linee guida aggiornate per la ripresa delle attività economiche e sociali

Le "Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali" rappresentano uno strumento sintetico, e di immediata applicazione, con indirizzi operativi volti a permettere:

  • la ripresa delle attività economiche e ricreative;
  • la tutela della salute di utenti e lavoratori.

In continuità con le versioni precedenti (la prima risale a maggio del 2020), anche nelle linee guida aggiornate è stato previsto l'accorpamento di molteplici settori economici e ricreativi in macroaree (affini per profilo di rischio o per attività), proprio per finalità di semplificazione.

Come spiegato nell'introduzione del documento, i settori inseriti sono quelli che, da un lato, rappresentano le attività maggiormente penalizzate dal meccanismo delle chiusure e, dall'altro, ove il rispetto delle misure è più realizzabile e controllabile.

Le linee guida della Conferenza Stato-Regioni individuano i principi di carattere generale per contrastare la diffusione di SARS-CoV-2, ovvero:

  • norme igieniche e comportamentali;
  • utilizzo dei dispositivi di protezione;
  • distanziamento;
  • contact tracing.

Alle associazioni di categoria e agli altri soggetti rappresentativi spetta, invece, la redazione di ulteriori protocolli più specifici (sempre considerando, però, i principi generali).

Linee guida Conferenza Stato Regioni sui corsi di formazione

Le indicazioni fornite nelle linee guida si applicano ai diversi contesti delle attività formative, ovvero aula, laboratori e imprese. Essi riguardano, inoltre, non solo la formazione in senso stretto ma anche gli esami finali (teorici o pratici) e le attività di verifica, accompagnamento, tutoraggio e orientamento (in gruppo o individuali).

Per prima cosa, sarà dunque necessario predisporre un'adeguata informazione sulle misure di prevenzione adottate, comprensibile anche per gli utenti di altra nazionalità.

In base ai volumi di spazio, ai ricambi d'aria e alla possibilità di creare aggregazioni in tutto il percorso di entrata, presenza e uscita, andrà poi definito il numero massimo di presenze contemporanee. Potrà essere rilevata la temperatura (impedendo l'accesso in caso di rilevazione maggiore a 37,5 °C) e dovranno obbligatoriamente essere messi a disposizione prodotti per l'igiene delle mani, anche in più punti (soprattutto entrata e uscita).

L'elenco dei partecipanti alle attività andrà tenuto per 14 giorni, in modo da consentire alle strutture sanitarie competenti di individuare eventuali contatti. Inoltre, ove possibile, bisognerà privilegiare:

  • l’organizzazione delle attività in gruppi il più possibile omogenei (es. utenti frequentanti lo stesso intervento o della stessa azienda);
  • l’utilizzo degli spazi esterni, per le esercitazioni pratiche.

Gli spazi destinati all’attività dovranno essere organizzati in modo da assicurare il distanziamento di almeno 1 metro tra gli utenti (estendibile ad almeno 2 metri, in base allo scenario epidemiologico di rischio). La postazione del docente, invece, dovrà essere situata ad almeno 2 metri dalla prima fila dei discenti.

Corsi di formazione: altre indicazioni da considerare

Nelle linee guida vengono fornite delle indicazioni anche per quanto riguarda il ricambio d'aria negli ambienti delle attività formative.

Innanzitutto, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo consentano, è obbligatorio mantenere aperte porte, finestre e vetrate. Inoltre, in base all’affollamento e al tempo di permanenza degli occupanti, dovrà essere verificata l’efficacia degli impianti, per garantire l’adeguatezza delle portate di aria esterna secondo le normative vigenti. In ogni caso, l’affollamento dev'essere correlato alle portate effettive di aria esterna.

Per gli impianti di condizionamento, se tecnicamente possibile, è poi obbligatorio escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria. Vanno anche rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo. Se tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante del ricircolo, sostituendo i filtri esistenti con altri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria.

Altre raccomandazioni pratiche da tenere presenti sono:

  • assicurare l’uso della mascherina per tutta la durata delle attività e procedere a una frequente igiene delle mani con prodotti igienizzanti. Nel caso dei docenti, è possibile anche usare una visiera trasparente. Chiaramente, per le attività pratiche dovranno essere utilizzati, se previsti, i dispositivi di protezione individuale associati ai rischi delle singole attività;
  • garantire la regolare pulizia e disinfezione degli ambienti, in ogni caso al termine di ciascuna attività di un gruppo di utenti, con particolare attenzione alle superfici toccate più frequentemente, ai servizi igienici e alle parti comuni (es. aree ristoro, tastiere dei distributori automatici di bevande e snack);
  • pulire e disinfettare eventuali strumenti e attrezzature ad ogni cambio di utente. In ogni caso andrà garantita un'adeguata disinfezione ad ogni fine giornata. Qualora la specifica attività o attrezzatura preveda l’utilizzo frequente e condiviso di più soggetti, sarà necessario procedere alla pulizia e disinfezione frequente delle mani o dei guanti (se previsti).

Per gli allievi in stage presso terzi, infine, si applicano le disposizioni/protocolli della struttura ospitante. In presenza di più stagisti potrà essere necessario organizzare le attività di stage secondo turni (da concordare con l’allievo, il responsabile dell’azienda ospitante e/o il tutor aziendale).

Il documento completo delle linee guida è disponibile sul sito www.regioni.it.

Corsi di formazione: le disposizioni della Regione Veneto

In data 9 giugno 2021 la Direzione Formazione e Istruzione della Regione Veneto ha emanato una circolare in cui fornisce ulteriori indicazioni in merito alla ripresa delle attività formative in presenza.

Tale documento, oltre a evidenziare la necessità di rispettare le sopra citate "Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali", definisce le seguenti disposizioni per la gestione dei progetti approvati a riconoscimento regionale:

  • gli interventi in essere alla data del 7 giugno 2021 possono proseguire nella modalità a distanza fino al 31 agosto 2021;
  • a far data dal 1° settembre 2021 deve essere ripresa la modalità di erogazione prevista dal progetto approvato, anche per i corsi già avviati;
  • nel caso in cui il progetto approvato abbia previsto una quota parte del percorso a distanza, tale quota è integralmente utilizzabile dal 1° settembre 2021;
  • tutti gli interventi avviati a partire dal 1° settembre devono rispettare le modalità di erogazione previste dal progetto approvato.

Tutti i corsi di formazione di Studio Essepi, sia nelle parti teoriche che in quelle pratiche, rispettano le indicazioni e le linee guida per un’attività formativa in totale sicurezza. Per saperne di più, scopri subito i corsi del nostro catalogo oppure contattaci senza impegno per richiedere maggiori dettagli.

 


banner ebook studio essepi 


anna-marchi-studioessepi  

Scritto da: Claudia Vasselai


Progettista di piani di formazione finanziata, specializzata in fondi professionali, appassionata di fotografia e viaggi.





Chiamaci

045 8621499